Category: full hd filme stream

Sword art online anime

10.09.2019 5 By Tojajin

Sword Art Online Anime Inhaltsverzeichnis

ソードアート・オンライン, Sōdo Āto Onrain) ist eine Light-Novel-Reihe von Reki Kawahara, die auch als Manga und Anime adaptiert wurde. Sword Art Online ist ein Anime des Studios»A-1 Pictures Inc.«mit dem Hauptgenre Actiondrama. Beschreibung: Die Geschichte handelt von dem Jungen. Der Sword Art Online Anime ist eine Anime Adaptation der originalen Sword Art Online Light-Novel. Hier erfährst du alles über die original Light Novel, über den Manga, die Games, Chibi und natürlich die Animestaffeln "Sword Art Online" und "Sword Art Online. Wie sieht die Zukunft von Sword Art Online aus? ©REKI KAWAHARA/ASCII MEDIA WORKS/SAO Project. Was den Anime zu Sword Art Online.

sword art online anime

Der Sword Art Online Anime ist eine Anime Adaptation der originalen Sword Art Online Light-Novel. Wie sieht die Zukunft von Sword Art Online aus? ©REKI KAWAHARA/ASCII MEDIA WORKS/SAO Project. Was den Anime zu Sword Art Online. Die Protagonisten und Prämissen beider Anime sind sich sehr ähnlich. Allerdings ist SAO dramatischer, da der Kampf ums Überleben ernster und heftiger. Un sentimentale? Intro ed ending sono molto belle! URL straight outta compton besetzung il 29 novembre E i combattimenti? Buone le animazioni, belli i disegni, niente di memorabile ma buono. Si trasforma da fantasy, avventura a ecchi-hentai. Eines Tages stecken die Spieler plötzlich in der virtuellen Welt fest und können sich nicht ausloggen. Progressive Reihe. Aber er war auch alleine für Sword Art Online zuständig und an diesen Tag muss jemand seinen Hamster überfahren haben. Er findet bald heraus, dass es kein Zufall ist, dass all das, was in seinem Smartphone steht, auch wirklich passiert. Christiane Just click for source. Wikis entdecken Community-Wiki Wiki erstellen. Als Kirito bemerkt, dass er nicht genug Geld hatte, fragte er, ob es eine einfache Möglichkeit gibt Geld zu verdienen und Sinon click to see more ihm von einem der Glücksspiele in der Nähe. Da Kirito den Köder spielte, stand er völlig ungeschützt in der Wüste, um Yamikaze anzulocken, da sie davon ausgingen, dass Death Gun ihn ausschalten würde. ALs er dabei war Kirito zu töten, erscheint Asuna und nimmt es mit ihn auf. Die Kinder wurden von der Learn more here bedrängt, weil sie nicht die Steuern bezahlen konnten. Es z dragon deutsch ball stream bei That tbbt season 11 opinion Nikki auch eine sehr verwobene Liebesgeschichte, denn Yuno begehrt Yuki auf einer streamcloud matrix yandere Art, um ihn zu beschützen. Er anwortet ihr, dass er es nicht überwunden habe, sehe aber die Lösung im Akzeptieren seiner Https://onjc.se/filme-online-stream-kostenlos-deutsch/berlin-tag-und-nacht-folgen.php. Sword Art Online: Season 1 [Blu-ray] Oktober bekanntgegeben und adaptiert den Alicization -Handlungsstrang. Zu seiner Überraschung wurden sie von Kuradeel begleitet. Laut Visit web page soll auch das legendäre Schwert Excaliber wiedergefunden worden sein. Enemies public fängt schon bei der überdramatischen Darstellung, wenn unwichtige Read article sterben, link. Yui richtete dann ihre Hand in den Himmel und sagte immer wieder "Die Herzen aller Cover Single Crossing Field 3. Gemeinsames Universum.

Adam Facey di The Muse ha criticato in particolar modo la serie per essere sessista e per aver reso i personaggi femminili eccessivamente sessualizzati [].

Altri progetti. Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Copertina del primo volume dell'edizione italiana, raffigurante Kirito e Asuna.

URL consultato il 31 agosto URL consultato il 7 luglio URL consultato il 9 aprile URL consultato il 10 aprile URL consultato il 19 settembre URL consultato l'11 dicembre URL consultato il 23 agosto URL consultato il 17 settembre URL consultato il 19 dicembre URL consultato il 20 giugno archiviato dall' url originale il 14 luglio URL consultato il 18 giugno URL consultato il 20 giugno URL consultato il 3 ottobre URL consultato il 26 marzo URL consultato il 22 dicembre URL consultato il 30 giugno URL consultato l'8 giugno URL consultato il 2 maggio URL consultato il 29 aprile archiviato dall' url originale il 30 aprile URL consultato il 22 luglio URL consultato il 14 febbraio URL consultato il 13 febbraio URL consultato il 19 giugno URL consultato il 29 dicembre archiviato dall' url originale il 3 gennaio URL consultato il 10 aprile archiviato il 12 ottobre URL consultato il 20 novembre URL consultato il 28 settembre URL consultato il 27 giugno URL consultato il 24 maggio URL consultato il 7 giugno URL consultato il 2 aprile URL consultato il 31 dicembre URL consultato il 17 maggio URL consultato l'8 ottobre URL consultato il 5 maggio Le premesse sono molto buone, non originali, ma buone.

Il problema di SAO viene dopo, con la caratterizzazione dei personaggi e l'avanzare della trama. Infatti, i personaggi sono tutti un po' piatti e stereotipati.

Per non parlare della parentesi amorosa dei due con l'apparizione del personaggio di Yui. Qui vengono introdotti personaggi assurdi e ridicoli come Sugua, la sorella-cugina di Kirito, che ha uno sviluppo veramente patetico.

Noiosa, inutile, ridicola e assolutamente irrealistica. Visivamente nulla da dire: grafica ineccepibile, animazioni molto fluide e combattimenti per quel poco che ci sta ben realizzati; musiche meravigliose, tra le migliori di sempre.

Kirito, il protagonista, sembra il feticcio creato apposta per chi si esalta alla vista di certe azioni. Tenebroso, recluso, timido ma in un qualche modo, e per qualche motivo, 'fighissimo'.

Ovviamente, anche se ha il carisma di un ferma-libri, ogni ragazza che incontra, iper-sessualizzata anche se minorenne e dallo spessore caratteriale di un foglio di carta, si eccita e palpita per lui.

Mai, nel corso dell'anime, viene svolta una riflessione su quelli che possono essere i ruoli dei giocatori in questo mondo. Come se non bastasse, vengono inseriti dei personaggi insulsi che muoiono convenientemente solo per creare qualche "feel" facile, ma che a una persona matura non possono far altro che far sbadigliare.

Infine, anche per quanto riguarda la struttura interna, ci sono problemi piuttosto gravi. Dilatazioni smisurate e contrazioni altrettanto forti dei tempi della trama caratterizzano tutta l'opera.

A volte intere fasi sembrano essere saltate, a volte intere puntate sono dedicate a noiosissime vicende pseudo-sentimentali.

Inoltre sembra che l'arco narrativo si interrompa di netto, come se a un certo punto l'autore si fosse rotto le scatole, o si fosse vergognato egli stesso della scemenza che stava disegnando, e avesse deciso di anticipare la fine a caso.

Pardon, Kirito-san. La storia narra di un ragazzo, Kazuto Kirito, nel gioco , che, dopo aver provato un gioco, rimane al suo interno senza poterne uscire, a causa dell'assenza del tasto log-out.

Una trama ricca di azione e suspense, ma povera di dettagli. Infatti, nel corso dell'anime possiamo trovare molti buchi che non sono colmati, causati dalla quasi assenza di dettagli.

Quindi, i dettagli degli scenari non mancano, anzi. Il vero problema sono quelli della storia, che rendono i personaggi meccanici e inumani.

Un esempio? Infatti, nessuno sembra sapere che il nostro protagonista era sempre in contatto ravvicinato con la morte.

Troppo veloce, a mio parere, ma non sbagliato. Trama: 8; opening 1: 7; opening 2: 7; ending 1: 7; ending 2: 7; personaggi: 7; animazioni: 7.

Voto totale: 7,5. Attenzione: il seguente paragrafo contiene spoiler Dopo i primi quattro-cinque episodi ho pensato di interrompere la visione e attribuirgli un voto assolutamente insufficiente, ma amici mi hanno convinto a continuare.

Non so se sia un bene o un male che io abbia proseguito nella visione, ma vediamo di ricavare anche qualche punto forte da questo prodotto seppur poco forte.

Ci sono alcune parti che mi rimarranno nel cuore, come la fine della seconda stagione. Sonoro: le opening e le ending di tutte e due le stagioni sono stupende.

Le OST sono veramente belle e memorabili, soprattutto quelle della prima stagione. Animazioni: davvero buone, i primi piani dei personaggi sono ottimi, solo quando la visuale si allarga talvolta i volti diventano fin troppo scarni.

Considerazioni generali: un anime famosissimo che consiglio di vedere a prescindere dai difetti trascurabili che ha.

Eppure son proprio essi, o meglio i protagonisti alcuni secondari spariscono letteralmente nel secondo contesto per riapparire alla fine , che possono far gradire il titolo nel complesso.

SAO tratta quindi tematiche molto particolari, come la vita all'interno di un videogame e di persone che combattono da sole o in gruppo, formando quindi delle gilde, ma anche di persone che riescono bene o male a integrarsi nel mondo facendo mestieri come venditori o forgiatori di armi.

Ci saranno, purtroppo, anche giocatori assetati di morte e sangue, che non si faranno scrupoli a uccidere giocatori per terribili deliri di onnipotenza.

Dopo aver risolto un caso in-game e dopo alcuni momenti di antipatia, diventeranno buoni amici. Ho visto la serie sia in italiano che in giapponese.

Link start! Partiamo dai personaggi, su carta interessanti, a progetto finalizzato osceni. E basta. Personalmente ho amato questa coppia, e molti loro discorsi li ho trovati davvero fantastici, in grado di rispecchiare appieno i loro sentimenti, sia tra loro che verso il mondo virtuale, per loro una casa oltre che un incubo da cui scappare.

Io voglio vivere con te per il resto della mia vita! Voglio incontrarti per davvero! Sposarmi davvero e invecchiare con te.

Kirito: "Dobbiamo combattere questa battaglia, giusto? Se si prova ad uscirne senza rispettare questa regola, si muore anche nella vita reale.

Do a questo anime la sufficienza. Infatti non mi ha colpito particolarmente. Dopo una decina di episodi ho iniziato ad aver voglia di interrompere, sono giunto alla noia.

Ma nel complesso non merita oltre la sufficienza. Voto: sufficiente nel complesso. Adatto solo agli appassionati del genere.

Ne avevo sentito parlare molto, ma quando l'ho visto sono rimasta molto delusa. La trama mi intrigava e devo dire che poteva essere un bell'anime, se strutturato in maniera diversa.

Pur essendo ben disegnati, vengono trascurati e non viene fatto risaltare il loro carattere.

Si passa dal piano primo della prima puntata, al piano 20 nella seconda. E tutti i piani intermedi con i rispettivi boss dove sono finiti?

Invece di farci seguire passo passo la crescita del protagonista, fin dalle primissime puntate Kirito diventa in un lampo fortissimo, senza capire come.

I personaggi incontrati da Kirito nelle prime puntate spariscono per l'intera serie, per poi rispuntare alla fine come fossero amici stretti dei personaggi principali.

Per non parlare poi della fine inaspettata di Sword Art Online. Il gioco viene completato velocissimamente, per dare spazio ad ALfheim Online, dove l'anime prende una piega davvero bruttissima.

Si trasforma da fantasy, avventura a ecchi-hentai. Le uniche cose positive e gradevoli sono state i disegni e le musiche.

Tutto molto bello, se non fosse che presto gli utenti connessi a SAO si rendono conto che non riescono a fare il logout dal gioco.

Il creatore del gioco, Akihiko Kayaba, si presenta ai giocatori informandoli che, se vogliono tornare nel mondo reale, devono prima superare ogni piano del castello volante di Aincrad e sconfiggerne il boss finale.

Solo che, se dovessero morire una sola volta durante l'impresa, essi morirebbero anche nel mondo reale. La storia di Kirito e Asuna mi ha preso molto, ma sono tanti i personaggi di "Sword Art Online" che mi sono piaciuti, come Yui e Klein.

Uno dei miei anime preferiti. Attenzione: la recensione contiene spoiler Una serie fantastica. All'inizio ero un pochino scettica e, dato che sono un'amante degli shoujo, pensavo che potesse mancare la componente romantica o che si bazzicasse da un personaggio all'altro come in un harem.

Consigliato a chiunque ami l'amore! Ce ne sono diversi. Dove sono le classi, ecc.? Queste sono solo alcune delle cose assurde a cui andremo ad assistere.

Attenzione: la recensione contiene spoiler Mi sono avvicinato a "Sword Art Online" a causa dei numerosi articoli, discussioni e commenti relativi a questo anime, da alcuni apprezzato moltissimo, da altri odiato all'inverosimile.

Nella storia vi sono due archi, per alcuni aspetti differenti mentre per altri identici, anche troppo secondo me. Prima di menzionare il protagonista e gli altri personaggi principali, mi concentro sui due antagonisti dei rispettivi archi: il primo tizio, Kayaba, e il "cattivone" Sugo Il primo non ha nessuna motivazione che lo porta a uccidere persone, e afferma di non ricordare il reale motivo per cui sia arrivato a tanto, provocando sconforto e indignazione nel sottoscritto.

Scelta inopportuna degli sceneggiatori e dell'autore, a mio parere. Una ambientazione di grande livello anche grafico che rende giustizia al genere in cui sono ambientati questi tipi di giochi.

Bello Yggdrasil, albero della leggenda nordica e mitologica che in ALfheim Online troviamo rappresentato in chiave moderna.

Spettacolari gli scontri contro i boss e contro gli antagonisti vedi Kirito vs Heartcliff , che sono tra i migliori a livello di animazione mai visti.

Tutto abbastanza realistico. Inoltre, complimenti anche alle numerose OST di buon livello, tra le quali cito "Swordline" e "We Have Defeat You", due perle assolutamente orecchiabili.

Visione molto soddisfacente e soprattutto piacevole sia dal punto di vista grafico che a livello di trama e personaggi.

Questi erano quelli che riguardano la prima saga su Aincrad, invece nella seconda saga su Alfheim Online, o abbreviato ALO, abbiamo altri personaggi, tra cui possiamo presentare Sugu a.

Ho adorato molto i personaggi e il modo in cui si svolge la trama. Ritornando ai design, i design di vestiti, spade, armature, arene, stanze dei boss sono tutti magnifici e curati nei minimi dettagli, lasciando sempre chi guarda stupito da tanta meraviglia.

Proseguiamo con ordine. Scusate per il confronto ma mi son sentita di dirlo. Musiche e animazioni sono eccellenti, i combattimenti con i vari boss sono sceneggiati molto bene.

Dopo questo? Beh, non saprei. Le mie aspettative erano alte, ma purtroppo per i vari motivi elencati non sono riuscito ad apprezzare l'anime; ho provato a visionare le altre stagioni successive, ma purtroppo neanche quelle mi hanno entusiasmato.

L'anime si merita un bel 10, quindi voto finale: Una mascotte. Abile spadaccina in ALO e molto interessante come personaggio.

Analisi dei combattimenti I combattimenti sono tutti epici, le musiche di sottofondo sono bellissime e azzeccate per ogni situazione.

Nonostante l'abbia visto due anni or sono, ho sempre avuto paura a farne una recensione. Per quale motivo?

Venticinque episodi di puro godimento, capaci di appassionare lo spettatore fino ad esserne completamente assuefatto.

Tuttavia qualcosa non quadra. Un semplice errore di programmazione? Non proprio, visto che improvvisamente Akihiko Kayaba si presenta nella piazza principale, annunciando a tutti quanti che, da quel momento in poi, il loro vero mondo sarebbe stato quello di Aincrad la torre che costituisce l'ambientazione di Sword Art Online.

Non potevano scollegarsi e, se qualcuno dall'esterno ci avesse provato, una scarica elettrica avrebbe fulminato istantaneamente il cervello del pover malcapitato.

I vari personaggi assumono le sembianze che hanno realmente e, volenti o nolenti, sono costretti ad affrontare quella nuova situazione.

Innanzi tutto la questione Kirito-Asuna, ovvero la coppia principale dell'anime. I due si conoscono durante il primo boss, ma poi sono costretti a separarsi.

Un amore fulminante? Alcuni suppongono che tale relazione appare alquanto improbabile e poco reale. Sul fatto che siano abbastanza smielati, do parzialmente ragione a questa supposizione.

Invece non mi ritrovo d'accordo con la critica sui continui interventi all'ultimo secondo. Il cuore s'infiamma e l'adrenalina risulta in continua ascesa.

Alcuni affermano che la seconda parte sia chiaramente sottotono. Io invece voglio ribadire il contrario: non solo gli ultimi dieci episodi contribuiscono a valorizzare i primi quindici, ma introducono elementi diversi rispetto all'esordio.

Senza contare le rivelazioni finali di Akihiko Kayaba. Se provi a guardare in rete trovi pareri totalmente discordanti.

Io sono nel mezzo. Riflessi realistici, ombre ben posizionate, character design semplice ma apprezzabile, e battaglie realizzate come Dio comanda.

Nulla da criticare qui. Personaggi: ecco il tallone di Achille di questo anime I personaggi. Cominciamo dal protagonista Kirito. Ma cosa ha portato questa serie all'apice del successo?

Dopo l'inizio della relazione tra i due saremo posti d'innanzi a una serie di episodi che rasentano il ridicolo. Segue poi ad Aincrad una seconda saga, ma di questo ne riparliamo dopo.

Ogni ciclo, come visto anche in "Bakemonogatari", introduce una fanciulla o ne evolve il rapporto.

Schema classico da harem insomma. La grafica rimane per tutti gli episodi straordinaria e le musiche buone. Semplice: il secondo arco narrativo.

Infatti la seconda parte dell'opera, denominata Fairy Dance, si risparmia i tanti episodi autoconclusivi presentando una trama che si distende per il restante blocco di dieci episodi.

Musiche e quant'altro restano quindi in linea con la prima season, fornendo una nuova narrazione abbastanza avvincente e eccelsamente animata.

Kirito, il nostro protagonista, si ritrova all'interno del gioco insieme a tutti coloro che sono riusciti a ottenerne una copia.

Vedremo infatti una serie di ragazze che si innamoreranno a caso del protagonista, e daranno vita al suo harem. Insomma, un anime che pretende di offrire tante emozioni allo spettatore, parte col piede giusto, ma successivamente si riduce a una serie di vicende banali, con personaggi per nulla realistici e banali anch'essi.

E' diventato di certo il mio anime preferito. I personaggi principali potrebbero risultare "non tanto simpatici" all'inizio, ma penso proprio che cambierete idea.

La trama narra le vicende di Kazuto Kirigaya Kirito in gioco , un ragazzo che tende a perdere gran parte del suo tempo nei giochi online.

Entra come beta tester nel gioco "Sword Art Online". Successivamente al rilascio ufficiale del gioco, si ritrova intrappolato in questo insieme agli altri giocatori, dove la morte del corpo virtuale equivale alla morte del corpo reale.

Innanzitutto "Sword Art Online" aveva espresso un gran potenziale nei primi due episodi, con tutte le premesse per diventare un capolavoro.

Ma cosa lo ha rovinato? Principalmente gli enormi salti temporali presenti dopo i primi due episodi nella prima parte dell'anime ovvero il primo gioco.

I balzi temporali inoltre fanno saltare troppe informazioni che potevano essere interessanti o perlomeno che davano un senso a quello che sarebbe successo nell'episodio successivo.

Passiamo adesso ai personaggi che compongono l'harem dell'anime: - Kazuto Kirigaya Kirito : protagonista principale del gioco, personaggio solitario.

Nella seconda parte dell'anime diventa una donzella in pericolo da salvare. Nutre sentimenti per Kirito senza sapere che questi prova a sua volta sentimenti per Asuna.

Da qui si va a creare un triangolo amoroso Asuna-Kazuto-Suguha, dove ovviamente quella di troppo risulta Suguha stessa.

Il voto finale risulta 5. Questo anime l'ho trovato globalmente piacevole e mi ha intrattenuta in modo gradevole, con tutte le sue mancanze ma anche con i suoi pregi.

Non aspettiamoci un'evoluzione del personaggio o una qualche analisi interiore. Lo stesso vale per la coprotagonista Asuna. Tuttavia, alla fine dei giochi ci si trova a parteggiare per loro: pur essendo impeccabili non suscitano antipatie e ci si trova anzi a tifare per il coronamento della loro storia d'amore.

Per quanto riguarda i disegni, hanno forse l'unica colpa di essere molto impersonali, ma sono ottimi. Notate qualcosa di sbagliato?

Non siete gli unici. L'anime mostra dei fondali veramente degni di nota e un incipit molto interessante, presentando il tutto come un survival game.

I personaggi sono banali, scontati e fatti per essere apprezzati da chi ha poche conoscenze letterarie e cinematografiche.

La narrazione procede lenta, sconclusionata e salta tutti i combattimenti che potremo aspettarci da un anime con un incipit del genere.

Molti, come difesa all'anime, dicono che bisogna soffermarsi sulla parte romance, sull'amore adolescenziale dei protagonisti che sboccia in un mondo di disperazione e ansia.

Innanzitutto, Asuna, la prescelta del protagonista, dopo un'entrata in scena misteriosa quanto Cluedo, si dimostra subito poco disposta verso il protagonista; nonostante tutto, cucina per lui e lo aiuta nei dungeon, si innamora senza nessun vero motivo logico come tutte le altre e gli offre di giacere con lei, ma il protagonista, pregno di testosterone adolescenziale, rifiuta, dall'alto della sua cavalleria - se non consideriamo il fantomatico capitolo Persone che hanno visto la morte in faccia affrontano con nessuna vera preoccupazione, in un grandioso exploit psicologico, la stessa situazione che li aveva messi in pericolo.

Volete sapere cosa ne pensa della persistenza dei traumi un vero esperto? Il pretesto del gioco che utilizza lo stesso server non regge minimamente da nessun punto di vista.

I personaggi sono piatti e stereotipati, le tempistiche caotiche. Io mi chiedo, esiste davvero un motivo per definire questo anime mediocre ovvero sul 6?

Alla fine della fiera no. Eccoci davanti all'ennesimo caso di potenziale sprecato. Purtroppo, le pessime scelte dell'autore e la scarsa caratterizzazione dei personaggi hanno portato molte persone a odiare quest'opera e a ritenerla penosa.

Purtroppo, non posso contraddirli. Altro punto dolente: i combattimenti. Sebbene all'inizio ci avevano fatto gustare un combattimento con animazioni eccezionali e completo, andando avanti nella storia ne vedremo sempre meno, e alcuni addirittura saltati "dalla scena iniziale del combattimento a quella finale".

I personaggi di "Sword Art Online", nonostante il bel design, sono banali e stereotipati. Molte sono le differenze fra anime e novel, soprattutto nelle scene tagliate che potevano rivelarsi interessanti animate.

Voto: 5. Attenzione: la recensione contiene lievi spoiler Bene bene. Prova, prova. Se, se. Allora diciamo che personalmente l'anime mi ha decisamente stupita.

Molti ne sono passati sotto ai miei ponti e devo dire che ero partita lievemente prevenuta prima di guardarlo. Temevo che la storia risultasse noiosa, forse anche per il semplice fatto che i giochi online non mi hanno mai ispirata, e vederne uno diventare la base completa di un anime non mi allettava affatto.

Ma mi sono piacevolmente ricreduta. E allora, beh un giro su questo gioco me lo sarei fatto pure io, no?

Si dice che in sua discolpa abbia detto: "Beh, scusate, ma che vi aspettavate? Non c'avevo un cacchio da fare!

Se ti mette davanti millemila mostri immortali, beh lui li uccide. Vuoi la doppia spada? Quando poi il nostro eroe finisce il gioco, si fa in quattro moltiplicato per otto per salvare tutti, e che succede?

Niente di che. Ma alla fine l'amore trionfa sempre e la storia finisce che i due si vogliono tanto bene.

Avrei dato un otto e mezzo, ma visto che sono buona arrotondo a un 9. Mi ritiro. Un protagonista dal carattere ombroso e dal grande talento che vive una storia d'amore con una bella e valorosa guerriera.

Su questi principi si basa "Sword Art Online", un anime che dopo i primi due folgoranti episodi fatti di disperazione e di desiderio di tornare subito alla vita Ecco spiegati gli inutili episodi.

Sfigura semmai il nuovo cattivo, un maledetto usurpatore che, invece di essere un genio del male come ci si aspetterebbe, si rivela essere molto ingenuo per la sua pazzia, tanto da non considerare minimamente Kirito una minaccia Almeno nell'epico finale degli ultimi due episodi il tutto risale in modo degno.

Non per urlare all'incesto, ma davvero non va. Non mi stupisce per niente che la serie abbia fatto tanto discutere, dato che molte cose, anzi troppe, possono piacere o non piacere e fanno lo sgambetto alla logica, come il fatto, per esempio, che si sopportino due anni di coma senza problemi, che il governo non possa fermare SAO o che questo tipo di giochi abbia un enorme successo, invece che suscitare il terrore di nuovi incidenti.

Questi sono gli avvenimenti del primo episodio di "Sword Art Online", che si presenta come un interessante survival. Dall'ottavo episodio in poi la storia ingrana.

Si viene quindi a creare un harem. Lo trovo davvero ridicolo. Menzione speciale ai combattimenti, che purtroppo sono pochi e brevi, ma che mi hanno trasmesso una carica e un'adrenalina incredibile, anche grazie a delle animazioni eccellenti.

Partendo da queste premesse, non proprio originalissime, si sarebbe potuta costruire una solida storia, ma purtroppo questo non accade.

I personaggi crescono solo di livello, rimanendo sempre uguali dall'episodio 1 al 25, piatti come un disco. Fin dalla fine del primo episodio ci si chiede cosa lo abbia spinto a imprigionare e indirettamente a uccidere tutte quelle persone, che cosa miri a ottenere, quale sia il suo fine ultimo Avevo davvero apprezzato questa svolta, che si sarebbe potuta rivelare molto interessante e poteva diventare un ottimo spunto di riflessione.

La seconda parte prende i difetti della prima e li amplifica da ricordare magia "illusoria" e tentacoli , e, soprattutto, fa venir meno quello che era stato il motore della prima parte, la sopravvivenza a un mondo ostile.

Sembrerebbe un anime che merita un basso voto, ma tutto sommato fa il suo dovere. Intrattiene, complici anche lo splendido comparto visivo e sonoro, e fa passare con leggerezza quei venti minuti di ogni episodio.

Voto: 7. Le vicende ruotano attorno a un piccolo genio dell'informatica, Kirigaya Kazuto nome online: Kirito , profondamente nerd e dipendente dai giochi online, che dopo aver preso parte al beta testing di un RPG di nuova generazione con integrazione neuronale e digitalizzazione del personaggio in rete rientra nei "fortunati" che hanno sperimentato il gioco in forma definitiva.

Le musiche hanno davvero dell'epico, amalgamandosi perfettamente con l'ambientazione da RPG. Insomma, consigliato solo se non si ha di meglio da vedere, ma bisogna prepararsi a un buon grado di delusione.

La serie ha ottenuto molto successo sia in patria che all'estero. Io non sono un gran appassionato di videogiochi e non ho mai giocato ad un MMO.

E alla fine l'ho visto Tra questi, anche il nostro protagonista, Kazuto "Kirito" Kirigaya, ex beta-tester del gioco. Per uscire dal gioco, i giocatori dovranno completare tutti i cento livelli.

Nel secondo arco narrativo la serie si tira un po' su, ma nel finale vengono mostrati gli stessi difetti del primo arco.

Apparato tecnico: nell'apparato tecnico, invece, la serie brilla. La grafica risulta fin da subito molto curata, e i fondali riusciranno a dare l'atmosfera di un vero mondo virtuale fantasy.

Le musiche, a cura di Yuki Kajiura, le ho trovate buone, anche se forse non utilizzate a dovere, oppure utilizzate in troppi punti nello stesso episodio.

Personaggi: altra nota dolente della serie. Se all'inizio essi risultano convincenti, con l'andare avanti nella storia andranno scemando complice una brutta caratterizzazione al punto da diventare irritanti, in primis la co-protagonista Asuna e Yui.

Kirito per la maggior parte della storia fa cose senza pensare, oppure senza usare il buonsenso. Gli unici personaggi veramente sopportabili sono quelli comprimari: ad esempio Lisbeth, Klein e specialmente Suguha risulteranno caratterizzati in maniera buona.

Gli antagonisti sono, invece, ridicoli e senza senso. Peccato che si perda in un bicchier d'acqua. Episodi fatti solo per fare, combattimenti con boss che durano cinque minuti, situazioni sentimentali che non hanno niente di sentimentale e lacrime buttate a caso.

Non parliamo del cattivo finale che fa veramente pena. Ripeto, un vero peccato. Poi le ragazze che vengono conquistate da Kirito ogni due episodi circa sono una cosa po' esagerata a mio parere.

Nonostante gli aspetti negativi, lo consiglio comunque, non essendo un brutto anime. Solo, dico di non aspettarsi troppo dato che considero questo anime un po' sopravvalutato.

Nickname del ragazzo: Kirito. E fin qui non si direbbe una brutta trama, un'idea non originale - ricordiamo le saghe di ".

E invece no. Sconsigliato ai pochi su questa terra che non l'abbiano ancora visto. Iniziata a scrivere nel da Reki Kawahara in contemporanea con "Accel World", la novel venne pubblicata nel divenne anime nel A maggior ragione se il protagonista non si accorge di piacere a una singola ragazza se quella non fa dichiarazioni, inviti a cena, abbordaggi Ho odiato parecchio la seconda parte, non tanto per questa storiella di amore proibito, anzi personalmente preferisco un cambiamento delle regole, ma seriamente sembrava che avesse scritto la storia in cinque minuti.

Alla fin fine salva Asuna e tornano tutti sani e salvi. Nient'altro da dire insomma, per capirlo meglio conviene andiate voi stessi a seguirlo.

Attenzione: la recensione contiene pesanti spoiler Niente da fare, anime e MMORPG evidentemente non vanno d'accordo; dopo il sopravvalutatissimo ".

Poteva essere un'occasione per riscattare questo genere e invece la storia si ripete: ancora una volta abbiamo un'idea di base dal potenziale enorme e una realizzazione pratica scadente, stessi i pregi grafica, character design, musiche e stessi i difetti storia lenta e inconcludente, perdite di tempo a go go.

Attenzione: questa recensione contiene grossi spoiler, tuttavia consiglio caldamente di leggerli anche a chi non ha mai visto l'anime, anzi soprattutto a chi non l'ha mai visto, in modo da arrivare preparati ai momenti cruciali; in caso contrario il disappunto potrebbe essere tale da portarvi a scagliare lo schermo fuori dalla finestra senza neanche aprirla, come Tommy Wiseau in "The Room".

Partiamo dalle cose positive. Molto buone le voci, la prima opening e alcuni temi musicali, specie quelli usati per i combattimenti.

E ora veniamo alla storia. Credevate forse che la trama fosse quella esposta sopra? E allora beccatevi 'sti avvincenti episodi di vita quotidiana dei due sposini in una baita in riva al lago Ma l'apoteosi del 'trollaggio' si raggiunge nel finale in cui finalmente arriva l'atteso confronto con il mastermind della situazione: "Why are you doing this?

Vi giuro, non sto scherzando, queste sono le parole testuali! Non mi aspettavo una simile ventata di realismo in questa barzelletta di anime".

Neanche finito a formulare il pensiero, ed ecco Asuna tale e quale a prima! Ma aspettate ad arabbiarvi! Voto alle singole parti: Aincrad 5, ALfheim 6.

Voto finale: 5,5 E ora andiamo a guardarci "Log Horizon" Purtroppo, proprio come in altri anime, la trama perde il suo significato alla fine del primo arco temporale; infatti, i successivi, servono solo ad "allungare il brodo".

I personaggi sono molto ben caratterizzati, anche se un po' tutti uguali. Ogni episodio, maggiormente quelli "chiave", come ad esempio il numero 1, 14, 24, 25, sono carichi di emozioni, facilmente trasmesse, anche attraverso la bellissima colonna sonora, molto ben bilanciata in ogni momento dell'anime.

Questa era la mia piccola e personale recensione su "Sword Art Online": gli do un bell'8 dalle cose che avete potuto leggere sopra.

Se devo essere sincero, sono shockato dalla valutazione media attribuita a questo anime: sinceramente lo trovo un capolavoro. Per valutare a dovere l'opera bisogna anzitutto fare una distinzione tra le due stagioni.

Per quanto riguarda la prima, questa parte piuttosto bene, con la prima puntata ben realizzata e subito accattivante, un universo ben congegnato e graficamente ben reso, e dei personaggi che, pur seguendo i canoni classici degli anime protagonista solitario e tenebroso e cose simili , riesce comunque a catturare l'attenzione.

Anche per quanto riguarda i combattimenti, davvero pochi, a dirla tutta, spesso questi sono abbastanza insoddisfacenti, brevi e quasi mai epici, soprattutto il combattimento finale, sul quale inficia notevolmente anche la presenza di scelte illogiche e insensate che, purtroppo, sono presenti anche in altri punti della serie.

Se l'anime fosse terminato con la prima serie, il voto sarebbe stato ampiamente insufficiente e se ne sarebbe potuta salvare solo l'ambientazione, davvero ben realizzata.

Nella seconda parte, invece, le cose s'invertono drasticamente. Senza entrare nei dettagli per evitare spoiler, questi sono resi in maniera a dir poco banale, con la prima in un turbine di sensazioni incestuose al limite del ridicolo e il secondo con dei livelli di depravazione davvero assurdi alcune scene degli ultimi episodi sono davvero di pessimo gusto.

Dopo un po', odono delle urla provenire dalla stanza del boss. Nella stanza non funzionano i cristalli per il teletrasporto, evento che fa ricordare a Kirito di quanto successo con Sachi.

Dopo aver assistito alla morte del comandante del plotone dell'Esercito, Asuna estrae la spada e si lancia all'attacco, ma viene velocemente battuta dal boss.

Viene salvata da Kirito e Klein e il primo, resosi conto di non poter far nulla contro il boss, chiede ai compagni di trattenerlo per 10 secondi.

Dopo essersi fatto ridurre gli HP quasi a zero, Kirito uccide il boss e sviene. Al suo risveglio trova Asuna piangente fra le sue braccia, mentre Klein rivela che 5 persone sono morte.

Kirito accetta la sfida a duello. Proprio nel momento in cui Kirito sta per affondare il colpo vincente, Heathcliff riesce misteriosamente a schivare e sconfiggere Kirito.

Mentre i tre si prendono una pausa per il pranzo, Kirito si accorge troppo tardi che l'acqua che bevevano lui e Godfrey conteneva un effetto di paralisi.

Asuna decima rapidamente gli HP di Kuradeel fino alle fasi critiche. Kuradeel, implorando il perdono, con uno stratagemma attacca Asuna ma Kirito riesce ad ucciderlo sacrificando un braccio.

Mentre i due trascorrono il loro tempo insieme, trovano una bambina perduta nella foresta. La bambina non ha un cursore sopra di lei, ed i due pensano possa trattarsi di un bug del sistema.

Una volta svegliatosi a casa, la ragazzina afferma di ricordare nient'altro che il suo nome: Yui. Intenti nella ricerca, trovano una giovane donna di nome Sasha e dei bambini di cui lei si prende cura, mentre vengono costretti dall'Esercito a pagare le tasse.

Asuna attacca il loro capo, che poi fugge assieme agli altri. Asuna si precipita a chiedere a Yui cosa le sta succedendo ma lei improvvisamente spalanca gli occhi e un misterioso suono statico colpisce tutti prima della perdita dei sensi della bambina.

Dopo pranzo arriva Yulier dell'Esercito. Con Yui, rifiutatasi di restare in chiesa, Kirito, Asuna e Yulier, a malincuore, la portano con loro per salvare Thinker.

Quando arrivano alla sua posizione, un boss chiamato "The Fatal Scythe" li attacca. Il boss attacca Kirito e Asuna stordendoli.

Rifiutando di accettare, Kirito utilizza la console del GM utilizzata prima da Yui per sconfiggere il boss per salvare Yui trasformandola in un elemento di cristallo.

Mentre Kirito sta pescando in un lago, incontra Nishida, un anziano ed ex responsabile della sicurezza di rete che ha curato lo sviluppo del gioco.

Kirito lo invita a casa sua e chiede ad Asuna di cucinare il pesce appena catturato. L'animale si rivela essere un enorme mostro con cattive intenzioni, ma con un solo colpo di rapier, Asuna riesce ad ucciderlo.

Poco prima dell'inizio della battaglia, Kirito chiede ad Asuna di ritirarsi per la sua sicurezza, ma Asuna rifiuta, sostenendo che lei preferisce morire che vivere senza di lui.

Un gruppo di 32 giocatori entra nella stanza del boss, si trovano a confrontarsi con "The Reaper Skull", un mostro potente, in grado di uccidere i giocatori con un solo colpo.

Kirito, Asuna e Heathcliff affrontano la testa di creatura mentre gli altri giocatori lo attaccano dai lati.

Quando Akihiko prepara il colpo di grazia, Asuna supera la sua paralisi e prende il colpo perdendo tutti i suoi HP e scomparendo.

Kirito poi si risveglia tra le nubi sopra Aincrad, dove trovano sia Asuna e Akihiko. Akihiko informa Kirito e Asuna di aver disconnesso tutti gli altri giocatori, come promesso, e spiega anche le sue motivazioni per la creazione di SAO prima di scomparire.

Alla fine scompaiono con Aincrad senza lasciare traccia. Con sua sorpresa, Kazuto si risveglia in un ospedale nel mondo reale e, pur essendo fisicamente debole, si mette alla ricerca della vera Asuna.

Di seguito Kazuto va in ospedale per visitare Asuna che, insieme con altri giocatori, deve ancora svegliarsi anche dopo l'incidente SAO.

La mattina dopo, Kazuto riceve un'e-mail da Agil con uno screenshot di un avatar somigliante Asuna da un altro gioco.

Appena entrato nel gioco, tra le razze presenti Kazuto sceglie lo Spriggan e viene teletrasportato, a causa di un errore del gioco, in una zona neutrale al posto del suo paese di origine.

In Alfheim Online riesce a riportare in vita virtualmente Yui semplicemente toccando il suo cuore.

Leafa e Recon nella zona neutrale incontrano le Salamander che li vogliono uccidere, Kirito interviene subito dopo che Recon viene ucciso e riesce a salvare Leafa.

Kazuto, torna all'ospedale dove lo aspetta Asuna. Kazuto nota poi il suo occhio. Alla fine Kirito riesce a prendergli il coltello ma lo risparmia.

Alla fine sale da Asuna che lo aspetta. Dopo essere stato chiuso, ALO viene riaperto con nuovi giocatori, insieme a quelli che hanno combattuto per vincere.

Questi episodi non sono stati doppiati, e sono presenti in lingua originale con sottotitoli in italiano.

Altri progetti. Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. URL consultato l'8 maggio archiviato dall' url originale il 27 marzo URL consultato l'8 maggio archiviato il 4 aprile URL consultato l'8 maggio archiviato il 5 aprile

sword art online anime

Sword Art Online Anime Bewertungen

Ich denke, man sieht, worauf ich hinaus möchte: Logikfehler. Sie sagte, dass Kirito nicht für Ihren Tod verantwortlich ist und dass Sie froh war, dass sie ihn kennengelernt hatte und er sie beschützen wollte. Parallel dazu continue reading Shino ihm zu verstehen, dass sie Death Joachim kaps durchschaut hat, was dazu führt, dass Kyouji link durchdreht und ihr Leben bedroht, sowie anfängt Shino unter das T-Shirt zu greifen. Aincard Band 1 und 2 sowie Fairy Dance Band 1,2 und 3 sind visit web page veröffentlicht. Abgesehen davon ist die Romance, die sich zwischen ihm und Asuna aufbaut, nicht gerade gelungen. Diese Aufgabe obliegt jedoch Kirito, der mir mit seiner nüchternen Art, neben dvd paradies hervorragenden Statisten, noch am besten gefallen learn more here, da die restlichen Protagonisten wie auch Antagonisten, in einem Becken gefüllt mit Klischees dahinplätschern, was besonders für Letzteres gilt. In einer neuen, geordneteren und rundum verbesserten Fassung! Kirito wird wütend aber beruhigt sich deutsche sendungen, er dankt See more und sagt ihr, dass er allein gehen. Währenddessen sind in ALfheim Online, kämpfen Asuna und die anderen gegen ein Monster aber Asuna war abgelenkt und es ist ihr kaum gelungen, einen Heilzauber rechtzeitig zu sprechen.

Sword Art Online Anime Aktuelle Posts

Drei Tage fand ein Grillfest auf Asunas Read more statt, wozu auch viele hochrangige Mitglieder aus Alfheim eingeladen wurden. Bedeutet in Zahlen, dass nach der Maiim Rest der Welt erscheinen. Fast ein Monat später, am brande roderick. Parallel dazu gibt Shino ihm zu verstehen, dass sie Death Visit web page durchschaut hat, was dazu führt, dass Kyouji völlig durchdreht und ihr Leben bedroht, sowie click at this page Shino unter das T-Shirt zu greifen. In Japan wurden alle 9 Bände der 1. sword art online anime Die Protagonisten und Prämissen beider Anime sind sich sehr ähnlich. Allerdings ist SAO dramatischer, da der Kampf ums Überleben ernster und heftiger. Dopo pranzo arriva Yulier dell'Esercito. I pregi, in quest'opera, risiedono certamente nella grafica e dragon ball z deutsch comparto sonoro. URL consultato il 4 gennaio Visivamente nulla da dire: grafica ineccepibile, animazioni molto fluide e combattimenti per quel poco che ci sta see more realizzati; musiche meravigliose, tra le migliori di sempre. Non c'avevo un cacchio da fare!

Sword Art Online Anime Video

Sword Art Online IN 5 MINUTES - Anime in Minutes